Appendicite, sintomi e cause

0
5784

L’appendicite è una malattia di tipo infiammatorio che interessa l’appendice vermiforme, ovvero un piccolo tratto iniziale dell’intestino crasso. Non ha una funzione ben precisa e quando viene colpita da una forte infiammazione, l’intero organismo può correre dei seri pericoli e quindi c’è l’urgenza di asportarla. Può creare problemi a tutte le età e quindi spesso si interviene per cercare di evitare difficoltà soprattutto nell’età della pubertà o infantile a chi soffre di disturbi intestinali.

Appendice, dove si trova

Dove si trova l'appendice
Dove si trova l’appendice

L’appendice è lunga circa 10 cm ed ha un diametro di appena 6 mm. L’appendice si trova all’inizio dell’intestino crasso ed è proprio in quel punto del basso ventre sul lato destro, che si può iniziare ad avvertire un senso di fastidio prima che l’infiammazione degeneri. Quando si iniziano ad avere dei problemi in quell’area, è sempre opportuno effettuare un controllo di tipo medico per cercare di arginare la presenza di qualunque tipo di patologia. I sintomi dell’appendice infiammata possono essere infatti, numerosi e bisogna conoscerli per capire subito cosa si sta andando incontro.

Appendicite, i sintomi iniziali

I sintomi dell’appendicite possono essere numerosi. Innanzitutto bisogna distinguere tra i sintomi iniziali dell’appendicite e quelli che invece si presentano quando il problema si fa più intenso.
I sintomi iniziali della appendicite prevedono un senso di malessere di tipo generale oltre a dei piccoli decimi di febbre. Inizialmente, i dolori addominali sono molto contenuti ma poi successivamente si potrebbe andare incontro a qualche spasmo molto più forte.

Il dolore nella fase acuta, diventa davvero insopportabile fino a che il soggetto si trova a dover adottare delle posizioni di tipo antalgico per cercare di contenere il malessere. Coloro che soffrono di appendicite possono anche avere altri sintomi come vomito o scariche diarroiche, prima dello stop alla defecazione. Se non curata, può essere davvero molto pericolosa per l’organismo diventando peritonite e quindi danneggiando l’intestino in maniera seria.

Le cause dell’appendice infiammata e i sintomi

L’appendice infiammata può andare incontro a una serie di sintomi davvero fastidiosi che dipendono dalle cause che hanno scatenato un’infezione. L’infiammazione generalmente arriva a causa di un’ostruzione dell’appendice all’interno e quindi il materiale non digerito va a ristagnarsi generando l’infiammazione. Anche la presenza di calcoli biliari o di parassiti intestinali può comportare un’infiammazione dell’appendice e in alcuni casi, può essere causata anche dall’ipertrofia dei follicoli linfatici appendicolari. Per evitare che possa arrivare alla peritonite, è opportuno intervenire subito prima con una cura antibiotica e poi attraverso l’asporto del tratto dell’appendice. Se non trattata in tempo infatti, potrebbe sopraggiungere la peritonite: questa patologia potrebbe diventare anche fatale. I medici solitamente decidono di intervenire subito con l’appendicectomia: si tratta di un tipo di intervento chirurgico alquanto semplice da eseguire e che non comporta danni gravi e neanche una grande attività post operatoria. Prima di eseguire questo intervento spesso i medici consigliano di intervenire con l’uso di lassativi e con lavande intestinali che possono andare a ristabilire l’equilibrio della flora intestinale. Potrebbero essere utile anche la somministrazione di analgesici ed è obbligatoria, per la presenza di infezioni batteriche anche la somministrazione di antibiotici prescritti dal medico specialista.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here